Regolamento generale attività di laboratorio

 

Ad integrazione del regolamento d'istituto, si è ritenuto utile adottare una serie di norme comuni per l'utilizzo di tutti i laboratori, tali norme devono essere considerate un indispensabile strumento operativo per una ottimale ed efficiente organizzazione della didattica.


Art. 1) Il Dirigente Scolastico ad inizio anno scolastico nominerà un sub-consegnatario per ogni laboratorio il quale, con l'aiuto dell'Assistente Tecnico assegnato, effettuerà la ricognizione inventariale comunicando eventuali incongruenze e/o variazioni. A fine anno sarà cura del sub-consegnatario redigere una relazione sullo stato delle apparecchiature.


Art. 2) L'ingresso e la permanenza degli studenti nei laboratori sono consentiti esclusivamente nelle ore previste in orario, in presenza del docente di teoria e del docente tecnico-pratico, eccetto i casi in cui per esigenze didattiche o logistiche sia necessario lo sdoppiamento della classe. In casi eccezionali e sempre con l'autorizzazione del sub-consegnatario può essere consentito l'accesso nei laboratori ad un singolo docente in orario solo se presente anche l'A.T. Il ritiro delle chiavi, previa firma su apposito registro, avverrà nel box del centralino.


Art. 3) Sarà cura dei docenti avvisare in tempo utile gli A.T. delle esercitazioni che si intendono realizzare, in modo che possano all'inizio di ogni lezione, mettere a disposizione il materiale, gli strumenti e le attrezzature utili per lo svolgimento delle stesse.


Art. 4) Per garantire un'ulteriore strumento di controllo e facilitare le comunicazioni tra i fruitori è bene compilare dettagliatamente il registro di presenza del laboratorio.


Art. 5) L'A.T., al termine dell'esercitazione,controllerà l'integrità di tutto il materiale, comunicando al docente danni riscontrati per gli eventuali e tempestivi provvedimenti.


Art. 6) Lo studente sarà responsabile del proprio posto di lavoro e delle apparecchiature che usa, rispondendo personalmente di ammanchi o rotture provocate da incuria e uso improprio, nel tal caso verrà addebitato allo studente l'intero costo del danno.


Art. 7) Il sub-consegnatario, anche su indicazione di altri docenti o dell'A.T., segnala immediatamente per iscritto all'ufficio tecnico eventuali guasti o malfunzionamenti (richiesta d'intervento).


Art. 8) Il personale tecnico che è incaricato del lavoro compila una scheda di descrizione dell'intervento svolto che verrà controfirmata dall'ufficio tecnico e dal sub-consegnatario e consegnata in copia al DSGA.


Art. 9) Le sottrazioni di apparecchiature vanno immediatamente segnalate al sub-consegnatario e al DSGA.


Art. 10) E' fatto divieto a tutti di trasferire attrezzature didattiche senza la preventiva autorizzazione scritta del sub-consegnatario, il quale avvertirà immediatamente l'A.T. che curerà il movimento del suddetto materiale. Chi provoca danni alle attrezzature avute in prestito ne è direttamente responsabile.


Art. 11) Gli A.T. eseguiranno giornalmente le manutenzioni ordinarie e con periodiche verifiche la funzionalità delle apparecchiature. Dovranno inoltre tener rapporti con l'ufficio magazzino per quanto attiene al materiale di consumo per la reintegrazione dello stesso.


Art. 12) Agli studenti che facessero richiesta di accesso ai laboratori per la realizzazione di relazioni o tesine per gli esami di Stato potrà esserne consentito l'utilizzo previa autorizzazione scritta del docente sub-consegnatario e con la presenza di un docente che è il diretto responsabile.


Art. 13) Gli studenti non possono accedere ai laboratori ed iniziare alcuna esercitazione (laddove previsto), se non hanno l'abbigliamento e gli accessori previsti dalle correnti norme infortunistiche (D.P.I. d. lgs 81/2008). La responsabilità del rispetto di tali norme è affidata al docente presente in laboratorio.


Art. 14) E' assolutamente vietato consumare cibi o bevande all'interno dei laboratori.


Art. 15) E' vietato l'uso delle apparecchiature per lavori di carattere personale.


Art. 16) E' vietato l'accesso ai laboratori a persone estranee all'istituto.

 


CALENDARIO ESAMI DI RECUPEROCALENDARIO ESAMI DI RECUPEROCALENDARIO ESAMI DI RECUPERO

LIBRI DI TESTO A.S. 2018 - 2019

Erogazione buoni libro A.S. 2018 - 2019


CONFERMA ISCRIZIONE  CLASSI PRIME 
PROVENIENTI DALLA SCUOLA MEDIA

dal 02 luglio al 06 luglio 2018  dalle ore 8.30 alle ore 10.30

DOCUMENTI DA CONSEGNARE


 ORARIO ESTIVO SEGRETERIA DIDATTICA
Lunedì e Mercoledì dalle ore 8.30 alle ore 10.00


 

nuovo corso di studiobrunch s

 RomeCup 2018

Il FabLab dell'ITI Faraday ha partecipato con 4 team 2 explorer senior e due explorer junior. Rispettivamente ci siamo classificati 1' su 24 e 7' e 13' su 48.

In più grande successo di pubblico nella nostra area espositiva per i progetti realizzati nel FabLab.

 IMG 20180417 105635 resized 20180423 110518086 COLLAGE

LINKguarda tutte le foto dell'evento

 

 

Cortometraggio Concorso EUROSCOLA

Gli alunni della nostra scuola che prendono parte al progetto di cittadinanza europea “Cammini dentro l’Europa” hanno realizzato un cortometraggio per promuovere il senso di appartenenza all’Unione Europea, in vista delle elezioni per il Parlamento UE del prossimo 2019. Eccolo per voi! Si trova sulla pagina FB ufficiale dell’Ufficio di informazione in Italia del Parlamento Europeo, insieme ai video delle altre scuole italiane che come noi saranno a breve nominate “Scuole ambasciatrici del Parlamento Europeo”. #EE2019 #camminidentroeuropa #itifaraday #faraday #europa

 

“Cammini dentro l’Europa – Studenti in viaggio alla scoperta di sé e dell’altro”

Cammino Siena – Bolsena

3 – 8 Aprile 2018

 SullaFrancigena min   

“Scendo al fiume quasi ogni giorno

al solo scopo di sedermi e osservare.

Guardo il fiume da trent’anni,

un tratto di acqua ripida e trasparente,

ampio circa centodieci metri.

Se c’è una cosa che ho imparato,

è che ogni volta che mi siedo a guardare

mi si rivela qualcosa che ancora non conosco”.

(Barry Lopez)

   

 

Il 3 Aprile mattina, zaini in spalla, finalmente si parte! Grazie al contributo di tanti amici, all’impegno della scuola e all’entusiasmo dei ragazzi, un gruppo di circa venti studenti del triennio si metteranno in viaggio per compiere a piedi il tratto di 130 km della via Francigena che unisce Siena a Bolsena, dentro uno dei territori più belli del nostro paese.

Il nostro primo sogno era stato Santiago de Compostela, ma i costi importanti legati soprattutto al viaggio in aereo ci hanno consigliato di collocare in Italia la nostra avventura, per permettere a tutti gli allievi che stanno partecipando a questa edizione del “Progetto Europa” di essere pronti ai nastri di partenza.

Siamo certi che anche questa proposta saprà mantenere intatti la forza e il significato che solo esperienze di questo tipo sanno regalare.

Cammineremo sulla Via Francigena, la storica strada che dal Medioevo conduce i pellegrini provenienti dal nord dell’Europa verso Roma. Anche questa via, così come il Cammino di Santiago, costituisce ancora oggi per tante persone un luogo di esplorazione di sé e del mondo, di incontro con gli altri, la natura, la storia, la bellezza.

Saranno cinque tappe per cinque giorni, esattamente come sarebbe stato a Santiago, dentro un contesto paesaggistico forse ancora più emozionante di quello della Galizia.

La data della partenza è ormai alle porte: il 3 Aprile mattina prenderemo il treno per Siena e all’indomani cominceremo a camminare verso Ponte d’Arbia, San Quirico d’Orcia, Radicofani, Acquapendente e Bolsena.

Fra le tante angolazioni da cui guardare questa avventura, citiamo anche quella della riscoperta di una certa sobrietà. La nostra società ci ha abituati a volere tutto, essere sempre connessi col mondo, non mancare mai di nulla, col rischio a volte di perderci fra le cose. Per chi cammina, invece, è la leggerezza a fare la differenza. Ci auguriamo di tornare tutti con una rinnovata passione per l’essenziale e la condivisione.

Non ci resta che salutarvi e darvi appuntamento al nostro ritorno. Le nostre gambe saranno in qualche modo le gambe di tutta la scuola. Una scuola che viaggia, che scopre e si scopre.

La creatività fa scuola

"Radici ed orizzonti d'Europa da Ventotene a Strasburgo passando per Lampedusa"

dopo aver ricevuto il primo premio nazionale associazione EIP (Ecole Instrument de Paix)

riceve un altro importante riconoscimento al concorso “La creatività fa scuola – Percorsi di legalità” a cura dell’Agenzia DireGiovani.it.

Roma 24 novembre 2017 – Si e’ tenuto stamattina all’istituto ‘G. Galilei’ di Roma ‘La creativita’ fa scuola’, il tradizionale appuntamento che l’agenzia di stampa Dire e il portale diregiovani.it organizzano per valorizzare il lavoro svolto durante l’anno scolastico da studenti, docenti e dirigenti scolastici.

Protagonisti dell’evento i vincitori dei vari concorsi, da ‘Giornalisti in erba’ ad ‘Educare alla non violenza’, da ‘Percorsi di legalita” a ‘La scuola per ricominciare’.

LINK sito dell'evento con video intervista a un nostro studente del progetto

La creatività fa scuola 1

20171124 233742 COLLAGE

IL NOSTRO VIDEO VINCITORE DEL PREMIO


 

LA MEMORIA DEL FARADAY

Senza memoria non c’è futuro. E per non dimenticare l’orrore dell’Olocausto anche quest’anno Roma Capitale ha organizzato il “Viaggio della Memoria” nei campi di sterminio di Auschwitz e Birkenau" a cui ha partecipato il nostro Istituto portando una  rappresentanza dei nostri Studenti accompagnati dalla Professoressa E. Latini.

Polonia Latini

LINKGUARDA LE ALTRE FOTO

 


libri 2018  ecdl 
scuolavoro logo   inclusione
   
  FabLab
Faraday Formazione Futuro
ITI Faraday

           Seguici su facebook